Anche minacce di morte per la “Mobile” di Perugia